Isole Marshall: radioattività residua dopo 60 anni

Boriska afferma: i segreti degli alieni sono contenuti nella Sfinge
Boriska afferma: i segreti degli alieni sono contenuti nella Sfinge
08/11/2017
Il limite di Chandrasekhar: di cosa si tratta?
Il limite di Chandrasekhar: di cosa si tratta?
10/11/2017

Isole Marshall: radioattività residua dopo 60 anni

Isole Marshall

Isole Marshall: radioattività residua dopo 60 anni
Gli effetti dei test nucleari nel Pacifico negli anni ’40 e ’50 sono ancora visibili nei sedimenti oceanici e nell’acqua di falda: ecco quanto a lungo si trascinano i danni dell’atomica.

Isole Marshall: radioattività residua dopo 60 anni – La quantità di cesio e plutonio radioattivi nelle lagune delle Isole Marshall, teatro di 66 test nucleari statunitensi tra il 1946 e il 1958, è in progressivo declino dagli anni ’70. Tuttavia, questi elementi continuano a contaminare i sedimenti oceanici e l’acqua di falda, con un livello di radioattività che – a oltre 60 anni dalla fine dell’operazione – rimane 100 volte più alto che nelle acque circostanti.

Quella che più che una scoperta è una conferma arriva dagli scienziati della Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) in Massachusetts, che hanno analizzato l’acqua delle lagune di vari siti considerati a rischio contaminazione, e campionato sedimenti oceanici e acqua di falda prelevata da cisterne, pozzi e spiagge.

Per la prima volta i ricercatori hanno misurato gli isotopi del radio, un tracciante naturale, per capire in che quantità l’acqua di falda si riversasse nell’oceano, e se lo stesse inquinando di scorie radioattive. I livelli di plutonio nelle lagune interessate sono risultati 100 volte più alti della norma, e quelli di una forma radioattiva del cesio, due volte più alti.

In generale l’acqua di falda si è rivelata una scarsa fonte di residui radioattivi; in alcuni siti più contaminati, sono piuttosto i sedimenti oceanici a liberare materiale pericoloso. Metà del plutonio trovato nella laguna dell’isola di Runit, sulla quale si trova un “cimitero nucleare” in cemento che nasconde 73 mila metri cubi di suolo radioattivo, proviene dai sedimenti oceanici, corallini e dunque particolarmente porosi.

Controlli come questi, spiegano i ricercatori, andranno ripetuti regolarmente, e a maggior ragione con l’innalzamento del livello dei mari. Nel frattempo,converrebbe non ricadere nello stesso errore.

Fonte: focus.it
Fonte IGM: abcnews.com ; focus.it
Può interessarti anche: Disinquinare l’aria potrebbe avere un inaspettato effetto collaterale

Inline
Seguici anche su Facebook!
il tuo contributo è importante
Inline
Seguici anche su Facebook!
il tuo contributo è importante